TSM | Cronologia | Onomastico | Glossario | Thesaurus

 

Donato da Cascia

 

 

 

 

Compositore attivo a Firenze nel terzo quarto del Trecento. Presumibilmente un benedettino camldolese. Rimangono 15 madrigali, una ballata, una caccia e un virelai. Biografia (Cecchi 1992).

 

 

 

Un bel girfalco

Madrigale di Niccolò Soldanieri (†1385), intonato a 2 voci da Donato da Cascia (fl. ca 1350-75), poi inserito nel Novelliere (ca 1400) di Giovanni Sercambi (1348-1424).

2011 | Liber

    Red
111v

txt
Sq
71v-72r
Pit
15v-16r
SL
52v-53r

palins.
Triv
113v

Novelle
Trucchi 1846 ii/195-196] ed.     T    
Carducci 1870 19] ed. e commento [*] T x x    
Carducci 1871 277-278] #264 ed. T   x    
Sapegno 1952 471] ed. testo – consultare          
Wolf 1955 99-100] ed.   M      
Pirrotta 1964 (1962) iii/x e iii/37-38] ed. musica – consultare   M      
Corsi 1969 745] ed. txt – consultare          
Marrocco 1978 (1971)    69] ed musica – consultare     M    
Sinicropi 1972 i/332] testo in novella #76 | ii/860] note x x     T
Rossi 1974 testo in novella #75 – consultare          
D'Accone 1984 consultare       x  
Gallo 1992 103] biblio   x x x  
Fischer 2001 (Grove) pdf] biblio          
Janke-Nádas 2016    consultare       fs  
Diamm web] biblio   x x    
[*] Carducci qui cita, oltre a Sq e Pit, anche il "Rediano 151", ma questo codice scompare nella ristampa dell'articolo (1874) rimandando, come spiegato a p. 405 in nota, a Carducci 1871, dove a p. 266 parla del Rediano 151 (ff. 88v-91v) come il ms. di riferimento per Soldanieri. Purtroppo non si riferisce la pagina, ma Sinicropi 1972 cita la poesia nel Rediano 184 a f. 111v (che non corrisponde al range di Carducci), mentre non cita il Rediano 151. Sono due codici o uno solo? L'aspetto curioso è che non si trovano descirizioni moderne del 151, e quella del 184 non dice niente del 151, ma solo che la vecchia segnatura del codice era Rediano 402. E' però lo Stesso Carducci a descrivere un mas. come "Rediano 151-184", lo fa nel 1866: 10 e nel 1886: 188, e ancora lo si trova in Biadene 1984: 196

— Manoscritti

Red | – Firenze, Bibl. Laurenziana, Redi 151-184 (testo Soldanieri)
SL | – Firenze, Archivio di San Lorenzo, ms. 2211 (palinsesto)
T193 | – Milano, Bibl. Trivulziana, ms. 193 (Sercambi, Novelle).

 

— Testo

Criteri editoriali: modernizzate maiuscole, punteggiatura, apostrofi e h; integrate abbreviazioni tachigrafiche; corretta oscillazione n/m; sostituito ç > c/z, y > i; omessi raddoppiamenti sintattici.
Testimone di riferimento: Pit

[1-3] Un bel girfalco sces'alle mie grida,
dellʹaria in bracci'a piombo giù mi venne
com'Amor volle, e'l disio di suoʹ penne.

[4-5] Et che ritorni no' mi dice'l core,
che credo che sel teng'altro signore.

[6-8] In piè gli misi, et facto chʹebbe gorga,
alzò più assai che non fu la caduta,
onde giocando il perde' di veduta.

Et che ritorni ...

Red = Carducci 1870/1871 — Triv = Sinicropi 1972
Apparato: 1. girfalco] giffalco Triv — 2. aria] aere Red arie Triv — 3. volle] volse Triv – disio] destro Pit Triv — 5. che credo] che che credo Sq Pit – teng'altro signore] tegna altro amatore Triv — 6. gli] lel Triv — 7. assai che non fu] alto assi che Triv — 8. giocando] giucando Sq Pit Triv

La nota 5 e 8 mostra un antigrafo comune fra Sq e Pit.