Basevi 2441

Un canzoniere milanese del primo Cinquecento

 

 

 

 

Dal testo alla performance
Dipartimento di Beni culturali e ambientali | Università di Milano
Laboratorio 2020-2021 | coordinamento Davide Daolmi

 

 

Testimoni | Bibliografia | Edizione

 

    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68  
P (40)* ix viii       i i iii iii   vi i i   i v iii i i i i vi v i iii   i iii i   vi iii   i ii vii     i           ix ix         iv     i   iii   vi vii     iii   iv iv   i   P
B (14)**           i ii         i     i     i     i     ii     i   i         i                     i                 i         i               i   B
Bq18 (4)                       x             x         x                                                           x                             Bq18
Fp27 (5)           x   x                       x                       x                                           x                             Fp27
F230 (3)                                                                 x x                                               x                     F230
F337 (4)               x                                                                                           x       x       x             F337
Lbl (7)             x     x                                           x     x                               x     x               x             Lbl
Md (3)                                                                     x x                                   x                             Md
Mn4 (10)   x x                           x                         x       x x x                                         x   x         x         Mn4
P27 (17)           x x x   x   x       x       x   x   x       x x   x         x     x                                 x     x                 x P27
P676 (10)           x   x x                                   x         x       x                 x                 x   x x                       P676
alter (9)                       7                     3                     2         9                           4 5           8       6       1 alter
    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68  
[*] i (16) | ii (1) | iii (8) | iv (3) | v (2) | vi (4) | vii (2) | viii (1) | ix (3)
[**] i (12) | ii (2) — 10 brani del i vol. sono tratti da P/i
                                                                                                   

Testimoni

manoscritti

Bas | Firenze, Biblioteca del Conservatorio di musica Luigi Cherubini, Basevi 2441 | web | pdf

Luisi 1995: 392] ... non v'è dubbio che le versioni offerte dal testimone a penna, anche se considerabili recenziori rispetto all'edizione petrucciana, siano autentiche in quanto discendenti da un archetipo attendibile certamente più antico ...

Tibaldi 2005: 565-66] Nel suo saggio su Bas Prizer [1995] sembrerebbe mettere almeno un punto fermo. L’ultimo brano della silloge vocale, Fame donna el mio dovere (cc. 70v-72), è ... da un codice autografo di poesie che Cavassico [1480-1555] iniziò a compilare nel settembre del 1508 scrivendovi progressivamente fino al 1530 i suoi componimenti poetici, molti dei quali sono datati ... poche carte prima vi è un lamento sulla resa di Belluno, caduta nelle mani di Massimiliano I il 3 luglio 1510, poche carte dopo vi è un sonetto datato 15 settembre 1510. Da questi elementi, insieme all’ipotesi che la protagonista femminile del dialogo possa essere Margherita Persicini, diventata forse moglie del notaio poeta nel luglio 1511, Prizer deduce che la barzelletta suddetta, per quanto non datata, deve essere stata scritta tra il luglio e il settembre di quell’anno ...
Premesso che una datazione 1512 o 1513 per Bas, più tarda rispetto a quanto solitamente accettato (inizio del xvi secolo) [Jeppesen 1970, ii: 50], sembra convincente, sul fatto che la barzelletta Fame donna el mio dovere posse essere considerato «key» per datare il manoscritto esiste, a mio parere, un problema. È vero che questa si trova collocata tra testi databili o datati con certezza al 1510, e che l’ordine di inserimento delle rime è sostanzialmente cronologico, ma è anche vero che una ventina di carte dopo si trovano, a breve distanza tra di loro, la barzelletta Ogni amor vol esser vero e l’oda O dolce diva mia, che sono presenti rispettivamente nel iv e nel ii libro di Frottole [1505] di Petrucci (musicate da Antonio Caprioli e da Pellegrino Cesena). Evidentemente, il libro di poesia di Cavassico contiene, insieme ai nuovi componimenti, alcune rime scritte precedentemente

Tibaldi 2005: 574] ... non comprende nemmeno una canzone, ma quasi solo barzellette (58), ode (5) e strambotti (4), ai quali si aggiunge un unico sonetto ...

Struttura: 9 quaterni oblunghi (72 cc.)
Edizioni: Borghi 1995 — Bibliografia: Luisi 1995 | Tibaldi 2005

[1] B396 | Belluno, Biblioteca civica, ms. 396 — info: Nbm

Autografo (1508-1530) di rime (senza musica) di Bartolomeo Cavassico (1480-1555): conserva il testo di #68 — Edizione: Cian 1894

Bq18 | Bologna, Museo della Musica, Q 18 (olim 143) — on line | schedainfo: Diamm |

[2] Ch | Chicago, Newberry Library, VM 140 C 25 (Codex Capirola) — on line | index

Liuto solo

Fp27 | Firenze, Biblioteca nazionale, Panciatichi 27 — [Prizer sigla:FlorBn Panc 27]

Edizioni: Filocamo 2010

F230 | Firenze, Biblioteca nazionale, Banco Rari 230 — on lineinfo: Diamm

F337 | Firenze, Biblioteca nazionale, Banco Rari 337 — info: Diamm | Proms | Manus — [Prizer sigla:FlorBR 337]

Solo la parte di basso

[10] F13 | Firenze, Biblioteca Laurenziana, Antinori 13

Ms. del 1510. Presente la frottola 32 (Se non dormi donna scolta), inf. cit. in Sparti 1996

Lbl | London, British Library, Egerton 3051 — on line | schedainfo: Diamm | Proms — [Prizer sigla: LonBLE 3051]

[3] M55

Md | Madrid, Palacio Real, Biblioteca, ms. 1335 (olim 2.i.5) — on lineinfo: Diamm

Edizioni: Barbieri 1890 | Anglès-Romeu 1965

Mn4 | Mantova, Bibl. comunale Teresiana, ms. 4 (a.i.4) — on line | schedainfo: Manus | Mirabile

Borghi 1995: 52-53] [...] Il contenuto di questo piccolo codice è interamente frottolistico e comprende ben 374 rime. Secondo Luzio-Renier [1899, in realtà riferisce solo degli interessi musicali di Isabella] si tratterebbe di uno dei pochi manoscritti di provenienza gonzaghesca, assemblato forse per la stessa Isabella d'Este negli ultimi anni del XV secolo. Torrefranca [1939], osservando la non eccelsa fattura del manoscritto, ritenne il libro «un repertorio tascabile di testi: un aiuto alla memoria, ad uso di cantori distinti». Gallico ha fissato come termine post quem per la sua redazione il 1500, in quanto in quell'anno morì Serafino Aquilano e nella raccolta è presente una poesia di Francesco Flavio, Quietato a morte el piu suave canto, dettata in morte del cantore. [...] In un solo caso Mn4 presenta un testo del tutto diverso da quello dei testimoni musicali: si tratta del n. 17, Chi se fida de Fortuna, che, dopo i primi due versi comuni, mostra quattro stanze completamente differenti, le quali costituiscono, considerato il diverso e più corretto rapporto metrico tra ripresa e stanze (in Bas dopo la stanza viene ripreso il terzo verso della ripresa al posto del primo), una versione più regolare. [...]

— Alessandro Luzio, Rodolfo Renier, "La coltura e relazioni letterarie d'Isabella d'Este Gonzaga", Giornale storico della letteraturaitaliana, 33 (1899): 1-62: 48-52: inventario dei libri di lsabella d' Este.

Edizione: Gallico 1961

P676 | Paris, Bibliothèque Nationale, Vm7 676 — on lineinfo: Diamm | Promsbiblio: Lesure 1979 (facs.) — [Prizer sigla: ParBN 676]

Manoscritto datato 1502 e redatto probabilmente a Mantova
Edizioni: Luisi 2012

Nanie Bridgman, "Un manuscrit italien du début du XVIe siècle à la Bibliothèque Nationale (Département de la musique, Rés. Vm7 676)", Annales Musicologiques, 1 (1953): 177-267; 4 (1956): 259-260

William F. Prizer, "Paris, Bibliothèque Nationale, Rés Vm7 676 and music at Mantua", in Atti del XIV congresso della Società Internazionale di Musicologia, Bologna, 1987: Trasmissione e recezione delle forme di cultura musicale, 3 voll., ed. Angelo Pompilio, Donatella Restani, Lorenzo Bianconi, F. Alberto Gallo (Torino, Edt, 1990), ii: 235-239

P27 | Paris, Bibliothèque Nationale, Vmd 27 (Thibault Lute Book) — on line | indice — [Prizer sigla: ParBN 27]

Solo intavolatura per liuto (senza voce) — Edizioni: Sequera 2004

[4] Pg | Perugia, Biblioteca Comunale Augusta, ms. 431 (olim G.20).

[5] In te Domine speravi, attr. a Josquin, reca altri testimoni, fra cui tre contrafacta (EU M326 SG):

Ber | Berlin, Staatsbibliothek, Mus. ms. 40196 [1476] — on line

EU | Erlangen, Universitätsbibliothek, 473/4 | Deo gratias

M266 | München, Bayerische Staatsbibliothek, Mus. 266 | intavolatura

M326 | München | In te Domine speravi non cofundantur

M439 | München, Westfälisches Landesmuseum, Ms. 439 [ca 1560] | intavolatura

Edizione: Das Stammbuch des Bernhard Schenckinck 1561-1582, ed. Gerd Dethlefs, 2 vols [1: Die Wappenminiaturen: Texttranskriptionen, Übersetzungen, Kommentare | 2. Die Lautentabulaturen] (Emmendingen: Seicento Edition, 2007).

NN | Das Erst Buch. Ein Newes Lautenbüchlein mit vil feiner lieblichen Liedern, für die jungen Schuler, ed. Hans Newsidler (Nurnberg 1544, 21547) | intavolatura — on line (1544) | on line (1547)

SG | Sankt Gall, Stiftsbibliothek, Ms. 463 (Tschudi Liederbuch) | In te Domine speravi non cofundantur

Edizione: H. Albrecht, Georg Rhau: Symphoniae jucundae (Kassel and Concordia, MO, 1959).

W352 | Wroclaw, Biblioteka Kapitulna, Ms. 325 | intavolatura

stampe musicali: Petrucci

Sulle edizioni di Petrucci: Schmid 1845, Vernarecci 1881, Sartori 1948, Boorman 2006

P/i | Frottole libro primo (Venezia: Petrucci, 1504).

Edizioni: Schwartz 1935 | Cesari 1954 | Di Zio 2013

P/ii | Frottole libro secondo (Venezia: Petrucci, 1505).

Edizioni: Cesari 1954 | Giacomazzo 2016

P/iii | Frottole libro tertio (Venezia: Petrucci, 1505).

Edizioni: Cesari 1954

P/vi | Frottole libro sexto (Venezia: Petrucci, 1505)

Edizioni: Lovato 2006

P/vii | Frottole libro septimo (Venezia: Petrucci, 1507)

Edizioni: Boscolo 2006

P/ix | Frottole libro nono (Venezia: Petrucci, 1508)

Edizioni: Facchin 1999

altre stampe musicali

[6] Ant/F

B/i-ii | Franciscus Bossinensis, Tenori e contrabassi intabulati col sopran in canto figurato per cantar e sonar col lauto, 2 vols (Forlimpopoli: Petrucci, 1509-1511)

Voce e intavolatura — Edizioni: Disertori 1964

[7] D/iv |

altre stampe (non musicali)

[8] Opera nova composta per diversi auctori zoé Sonetti, capituli, stramboti et barzelette (Bologna: per Iustiniano da Rubiera, 1502) — info | info

[9] Frotola nova (s.n.t.) — online

Bibliografia

Gandolfi 1911
Riccardo Gandolfi, "Intorno al Codice membranaceo di ballate et di canzoncine di autori diversi, con musica a due, tre, quattro voci, esistente nella biblioteca del R. Istituto Musicale di Firenze, n. 2440", Rivista Musicale Italiana, 18 (1981): 537-548.

Erroneamente segnalato da Diamm, ma il rif. corretto è a Gandolfi 1929

Gandolfi 1929
Romano Gandolfi, Catalogo delle opere musicali teoriche e pratiche di autori vissuti sino ai primi decenni del secolo xix, esistenti nelle biblioteche e negli archivi pubblici e privati d'Italia (Parma: Officina grafica Fresching, 1929; repr. Sala Bolognese: Forni, 1977).

248-249

Singleton 1936
Canti carnascialeschi del Rinascimento, ed. Charles S. Singleton (Bari: Laterza, 1936)

Ed. del solo n. 5, con descr. e bibl. del ms.

Becherini 1964
Bianca Becherini, "I Manoscritti e le stampe rare della Biblioteca del Conservatorio L. Cherubini di Firenze", La Bibliofilia, 66 (1964): 255-99.

264-266

Jeppesen 1970
Knud Jeppesen, La frottola, 3 vols (København: Munksgård, 1968-1970).

ii: 50, 140-143, facs. xxxvii

Staehelin 1972
Martino Staehelin, "Eine Florentiner Musik-Handschrift aus der Zeit um 1500", Schweizer Beiträge zur Musikwissenschaft, 1 (1972): 55-81. T

lo crede erroneamente un cod. fiorentino

Rifkin 1973
Joshua Rifkin, "Scribal concordances for some Renaissance manuscripts in Florentine libraries", Journal of the American Musicological Society, 26/2 (1973): 305-326.

306

Cattin 1990
Giulio Cattin, Nomi di rimatori per la polifonia profana italiana del secondo Quattrocento", Rivista Italiana di Musicologia, 25/2 (1990): 209-231.

Garberoglio 1993
Serena Garberoglio, Il codice Basevi 2441: Edizione critica di testi e musiche, tesi (Padova: Università degli Studi, 1993).

Addamiano 1994
Catalogo del fondo Basevi nella Biblioteca del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze: musica vocale, opere teatrali manoscritte e a stampa, ed. Antonio Addamiano, Jania Sarno (Roma : Torre d'Orfeo, 1994).

Borghi 1995
Renato Borghi, Il manoscritto Basevi 2441 della Biblioteca del Conservatorio L. Cherubini di Firenze: edizione critica, PhD (Cremona: Scuola di Paleografia, 1995)

Luisi 1995 | myLib
Francesco Luisi, "Questioni di ecdotica in rapporto alla prassi compositiva del repertorio profano italiano della fine del Quattrocento", in L'edizione critica tra testo musicale e testo letterario, ed. Renato Borghi, Pietro Zappalà (Lucca: LIM, 1995): 389-403.

Fallow 1996
David Fallow, "Josquin and Milan", Plainsong & Medieval Music, 5/1 (1996): 69-80.

Prizer 1996
William F. Prizer, "Secular music at Milan during the early Cinquecento: Florence, Biblioteca del Conservatorio, MS Basevi 2441", Musica disciplina, 50 (Essays in memory of Nino Pirrotta, ed. Frank A. D'Accone, Gilbert Reaney, 1995): 9-57.

Tibaldi 2005
Rodobaldo Tibaldi, "Repertorio tradito e repertorio coevo nelle intavolature per canto e liuto raccolte da Francesco Bossinensis con uno sguardo alle raccolte analoghe", in Venezia 1501: Petrucci e la stampa musicale : atti del Convegno internazionale di studi [Venezia, 10-13 ottobre 2001] ed. Giulio Cattin, Patrizia Dalla Vecchia (Venezia : Fondazione Levi, 2005): 491-590.

Moreno 2017
Manuel Moreno, "El Ducado de Milán y la transmisión de las composiciones castellanas en cancioneros musicales italianos: el manuscrito FC1", eHumanista, 35 (2017): 512-533.

Comboni 2017
Atlante dei canzonieri in volgare del Quattrocento, ed. Andrea Comboni, Tiziano Zanato (Firenze : Edizioni del Galluzzo, 2017) | pp. 56-64

Diamm | web — PRoMS | web — SBN | web — Concerto della Civica | web

Edizione (in progress)

Criteri editoriali

Lo scopo del lavoro qui proposto è offrire un testo che sia propedeutico all'accesso alle fonti e dia una panoramica delle peculiarità di ogni testimone. L'edizione restitusce pertanto un testo 'ripulito' non perché preferibile, ma per meglio sciogliere le incongruenze dei testimoni.

Restituzione del testo:
– modernizzati apostrofi, accenti, punteggiatura e maiuscole; sciolte le forme tachigrafiche
– uniformate all'uso moderno oscillazione i/y, u/v, q/qu, cie/ce, gi/ge, ti/zi, uso dell'h
– similmente uniformate forme scempie, geminate, raddoppi sintattici, latinismi, e semplici errori
– si conservano gli arcaismi purché attestati, ricorrenti nei testimoni, non equivoci in merito alla comprensibilità del testo (drieto > dietro), tuttavia si conservano sempre quando legati alla rima
– nel registrare le varianti si trascurano oscillazioni fra forme complete, tronche o apostrofate che non alterino il numero delle sillabe metriche (s'amenda / se amenda)

Restituzione della musica:
– l'accesso diretto agli originali rende evidente i principali adeguamenti dell'edizione (chiavi, valori etc.)
– particolare cura è stata rivolta alla ricostruzione della forma, in genere discussa nelle righe introduttive al brano
– la mensura è resa in chiave interpretativa attraverso battutte che, per quanto possibile, conservino la reale distribuzioni degli accenti
– il color isolato () è reso con la terzina, benché sia più comune l'ammodernamento , che tuttavia asseconda una semplificazione introdotta dalla tipografia cinquecentesca. Va da sé che l'esecuzione del color può essere puntata o terzinata secondo le circostanze.
– se le fonti trasmettono organici diversi questi sono stati affiancati sinotticamente.

 

1. Qual è 'l cor che non piangesse
© 2021 (dd)

Bas: 2-3 — Borghi 1995
P/ix
: 47 — Facchin 1999

Esecuzioni: non rintracciate

Edizione []

Frottola comune con Ripresa su diversa intonazione e refrain anomalo (4 versi invece di 2).

Testo

Soggetto a tema morale sul tempo che passa (fine della giovinezza e della speranza, desiderio di morire).

r Qual è 'l cor che non piangesse [1] | la mia acerba e dura sorte?
yx δ
 
  Tempo ormai saria che morte | o pietà mi soccorresse.
Qual è 'l cor che non piangesse | la mia acerba e dura sorte?
xy
yx
γ
δ
+ coda
 
i I fioriti miei prim'anni | dove lieto esser pensai
gli ho consunti in gravi affanni, | in sospiri pene e guai,
sì che più non spero mai | riposar se non per morte.
ab
ab
bx
α
α
β
 
  Tempo ormai ...
 
 
ii Se del tempo che mi resta | io sperasse un giorno solo
trapassarlo in gioia e festa, | meno assai saria il mio duolo.
Ma speranza è andata a volo | e m'ha chiuse le sue porte.
     
  Tempo ormai ...
 
 
iii Ben è misero e infelice | chi non ha speranza alcuna,
perché questa [2] sol si dice | ch'è contrasto alla Fortuna.
Or non è sotto la luna [3] | cosa più che me conforte.
    e ] et Bas & P/ix
questa ] questo Bas — ch'è contrasto ] che contrasta P/ix
  Tempo ormai ...
 
 
iv Poiché al mio dolor mortale | più rimedio non gli vedo,
per levarmi d'ogni male | morte ormai per grazia chiedo.
In lei sola spero e credo: | mi trarrà da ria sorte.
     
  Tempo ormai ...
 
 
1. Incipit tratto dalla lauda drammatica Levate gli occhi e risguardate (str. 9, v. 49, ed. Cudini 1999: 197).
2. 'la speranza'
3. 'non è di questo mondo'
Nota linguistica
L'italiano del testo rivela a tratti regionalismi lombardi e veneti, che non possibile dire se siano riconducibili all'archetipo o ai copisti/stampatori:
  Bas P/ix Bas+P/ix
gradaz. vocaliche   seria, se (> si), de (> da)  
altri regionalismi li (> gli) spiero el (> il)
latinismi     consumpti
scempiature sperase trarà
geminazioni accerba    

Musica

a. Entrambe le fonti recano due errori che escludono la derivazione diretta fra testimoni ma, al contrario, inducono a ipotizzare un archetipo comune.
L'attacco del brano (a), compare con un errore armonico in Bas (b) che doveva appartenere all'antigrafo perché condiviso da P/ix, che tenta una correzione impropria (c):

Il passo ricompare corretto prima della coda e pertanto può essere facilmente emendato.
Il secondo errore riguarda il dimezzamento di valore segnalato a nota 12. Nell'esemplare di Monaco, dono di Gaetano Cesari, la correzione () è riportata direttamente sulla parte, evidentemente da Cesari.

b. In P/ix l'uso del color solo nell'ultima parte di Altus e Bassus (corrispodente alla sola c. 48r), rende probabile che vi sia stato un intervento correttivo (color > valore puntato) omesso all'ultima pagina.

c. La correzione di P/ix in riferimento a nota 11, sembrerebbe ragionevole, tuttavia è stata esclusa perché altera il ritmo d'attacco ( ), indizio di un'esecuzione strumentale che altrove permette di dividere la sinalefe (mia, saria).

d. L'uso di formule cadenzanti alla Landini è frequente. Lo schema mostra la doppia cadenza di ogni frase, in rosso quando alla Landini (quelle dell'altus in δ sono state emendate perché improprie):

    δ γ δ coda   |: α :| β
Bas Cantus
Altus
Tenor
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 
 
 
 
 
P/ix Cantus                

Come da schema la cadenza diverge nel Cantus fra i testimoni (Altus e Tenor invece corrispondono, anche nell'errore). Dal momento che la formula landiniana è considerata arcaica potrebbe essere stata eliminata interamente da Bas e un'unica volta da P/ix (esclusa nella sola ripetizione di δ). S'è ipotizzato che lo stadio primitivo delle frottole (Luisi 1995) fosse limitato a Cantus e Tenor (qui entrambi con formula) a cui poi s'aggiunse il Bassus e in seguito l'Altus. Si può pertanto ricondurre le fasi di eliminazione della formula alla stesura indipendente di Bas e P/ix. Sintomatico che entrambi operino solo sul Cantus, di fatto l'elemento forte della frottola, il resto essendo strumentale e/o estemporaneo.

e. La presenza del fa, oltreché suggerita dalla cadenza coronata, è indicata in P/ix con un su rigo, con l'esplicita funzione di conservare l'alterazione (spontanea) della cadenza anche a inizio della frase successiva:

La precauzione mosta come fosse normale terminare in maggiore e ricominciare in minore.

f. L'uso dell'emiolia non è sempre certo. Qui è indicata dal segno tratteggiato soprastante: la distribuzione delle sillabe (suggerita) può assecondare o meno lo spostamento d'accento.
————

Apparato
Variante: Bas ] P/ix (sempre, ad eccezione della nota 9), cfr b
1. Cfr a
2. Altus: sol ] sol fa Bas P/ix (condotta errata) — Cantus: cfr e
3. Cantus: ] la sol sol fa P/ix (ma come l'edizione nella ripetizione della sez.δ)
4.
Cantus: mi ] la P/ix
5.
= 3. ma sul re
6.
Bassus: ] om. Bas
7.
Bassus: + pausa ] Bas
8.
Tenor: legatura ] om. Bas
9.
eccezioni di P/ix (in Bassus e Altus) alla variante sopra indicata
10.
Tenor: ] om. Bas
11.
Tutti: ] P/ixcfr c
12.
Altus: ] Bas P/ix
13. Tutti: ] Bas

2. Scopri lingua il mio martire
Valentina Campesi © 2021

Bas: 4
P/viii:
Mn4: 176v-177r

2014 VivaBiancaLuna Biffi [info] | 2016 Capilla profana [info]

Edizione []

Barzelletta comune

Testo

P/viii e Mn4 mancano dell'ultima strofa.

i Scopri, lingua, il mio martire, | non tenir più il mal occulto
che si sogna o che l'è stulto, [1] | che tacendo vol morire.
xy
yx
α
β
martire ] martir Mn4
che ... l'è ] che bisogna ei glie pur Mn4
  Scopri, lingua, il mio martire | non tenir più il mal occulto!
xy α/coda  
ii Io so ben che forse temi [2] | di sdegnar la donna mia.
Non convien che tanto tremi: | di parlar trova la via,
perché alfin lei dir potria | "A me il danno, a te il pentire".
ab
ab
bx
α
α
β
sdegnar ] sdegnare Mn4
non ] che Mn4 — tremi ] temi Mn4 — parlar ] parlare Mn4
dir ] dire Mn4 — pentire ] partire Mn4
  Scopri, lingua ...
     
iii Chi non parla non s'intende, | chi non chiede non s'aita,
chi non caccia mai non prende, | chi non gioca non s'invita.
Apri ormai la mia ferita, | parla pur non ti smarrire.
    s'intende ] sintenda Bas

smarrire ] smarrir Mn4
  Scopri, lingua ...
     
iv Non convien tanto celare | un acerbo aspro tormento,
non convien tanto aspettare | quando s'ha bonaccia e vento,
ché Fortuna in un momento | rompe ogni mortal desire.
   
tanto ] tropo Mn4 — e ] el Mn4
ogni mortal ] e fiacha ogni Mn4
  Scopri, lingua ...
     
v Se troppo alto il piè fermai | fu d'onore la mia guerra,
ché guardar l'aquila mai | già non suol con gli occhi a terra
presto, lingua, il duol diserra: | non temer più di fallire!
    la mia ] piu la mia Bas
  Scopri, lingua ...
     
1. Nel senso che il male occulto non è reale (si sogna) ed è stupido.
2.
Il soggetto è la lingua.
Nota linguistica
Scempiature e regionalismi legano il testo al contesto veneto-lombardo, ulteriormente confermato dalla presenza del testo nel codice mantovano.
  Bas Mn4
gradaz. vocaliche el (> el), se (> si), de ( > di), tenir, forsi, firmai el (> el), de ( > di), forsi
altri regionalismi scopre/scuopri, caza, pe, bonaza conven, caza
latinismi aspectare aspectare
scempiature smarire, bonaza, falire smarir, tropo, bonaza, fiaca
geminazioni accerbo accerbo

 

Musica

a. Info
————

Note alla musica
1. nota

3. In un punto in un momento
© 2021 (dd)

Bas: 5 — Borghi 1995
Mn4: 159r, 159v (solo testo) — Gallico 1961

Esecuzioni: non rintracciate

Edizione []

Frottola comune con Ripresa di 4 versi corrispondente al Refrain. Strofa in Barform.

Testo

Canzone sul tempo che passa: il poeta rimprovera l'amata di voler troppo attedere.

In Mn4 manca l'ultima strofa, peraltro in endecasillabi.

Benché la poesia sia solitamente intitolata In un tempo... (in ragione dell'incipit di Bas), si tratta di un errore, come confermano i rimandi a fine strofa di Bas, sempre "In un punto", e la lezione di Mn4. Del resto 'punto' è sinonimo di 'attimo', mentre 'tempo' non è sinonimo di rapidità.

r In un punto, in un momento, | donna, passa tua beltade:
però godi questa etade | per non dir dopo "mi pento".
xy
yx
γ
β
punto ] tempo Bas ponto Mn4 — in ] e in Mn4
dopo ] poij Mn4
i Ogni rosa la mattina | è in sul verde, ma la sera
se ne va e riman la spina: | nulla val chi si dispera.
Del ben perso invan si spera | che ritorni il tempo spento.
ab
ab
bx
α
α

β

e ] om. Mn4
invan ] ne mai Mn4 — ritorni + più torna Mn4
  In un punto...      
ii Il prudente ben raccoglie | il suo frutto in la stagione:
chi non sa riporta foglie. [1] | Nota donca sta ragione:
chi s'offende per cagione | di se stesso, ha più tormento.
    Il + che Mn4 —
chi ] che Bas
  In un punto...      
iii Tu dirai in la vegezza [2] | "S'io tornasse al primo fiore
non avrei tanta durezza" | Chi s'avvede del suo errore
dietro al fatto ha poco onore [3] | et ognor vive in lamento.
    chi ] che Bas
s'avvede ] sapesse Mn4 — del ] el Bas
  In un punto...      
iv Va gioventute a terra in un momento, | né mai ritorna più la verde etade.
Donna, non giova poi il dir "mi pento". | Deh godi il tempo fin ch'hai libertade.
Questa caduca e fragil tua beltade | in fretta in fretta vola como un vento.
     
  In un tempo...      
1. Invece dei frutti
2. 'vecchiaia'
3. 'chi s'avvede tardi dei suoi errori è poco stimabile'
Nota linguistica
L'italiano del testo rivela a tratti regionalismi lombardi e veneti, che non possibile dire se siano riconducibili all'archetipo o ai copisti/stampatori:
  Bas Mn4
gradaz. vocaliche el, se (> si), tornasse se (> si), el, si (> se)
altri regionalismi harei, dretto (> dietro) ricoglia, haria, dreto
latinismi fructo, facto fructo
scempiature racoglie, vegieza, dureza, avede ofende, steso, vegeza, tornase, dureza, fato
geminazioni    

Musica

L'elemento insolito di questa frottola è la iv strofa che non è in ottonari ma in endecasillabi (strofa non presente in Mn4). È possibile sia un'aggiunta spuria magari con nuova melodia, ma, come mostra l'edizione, non è impossibile adattarvi gli endecasillabi. Fa eccezione questa caduca e fragil tua beltade, i cui 5 accenti mal si aggiustano ai 4 dell'ottonario (sillabico). Tuttavia, in quanto ribatutto, può essere cantanto come rapida anacrusi al la.

4. Poi ch'alcun con dritta fé

Bas: 6 — Borghi 1995
P/iii: 2v-3r (altra intonazione) — Cesari 1954

Esecuzioni: non rintracciate

Bas: Edizione [] — P/iii: Edizione []

Frottola il cui testo, condiviso da Bas e P/iii, produce forme diverse: Bas ha la ripresa di 4 versi e introduce un verso-refrain. P/iii propone un più tipica ripresa tripartita che tuttavia usa come refrain solo i due versi mediani.

Testo

a. Il tema della dissimulazione è trattato con esempi morali in cui la menzogna diventa metafora dei comportamenti qutidiani.

b. Bas omette un paio di strofe:

Bas  
P/iii     

c. La sostituzione della parola Amor (primo verso) si spiega come segue. L'oscillazione nella ripresa di che (Bas) / chi (P/iii) produce doppio significato, a) dal momento che l'Amor fedele è sparito bisogna fingere che Amore continui a regnare, oppure b) dal momento che l'amore fedele è sparito, chi governa deve fingere.

Il primo assunto, forse un po' sofisticato per una frottola, è comunque coerente. Il secondo, seppur grammaticalmente più immediato, mette insieme due elementi che non sembrano in relazione: dal momento che chi governa da sempre dissimula, perché tirare in ballo l'amore infedele?

Non vi sono dubbi che P/iii legga chi perché usa come refrain la frase El bisogna simulare chi regnar al mondo de', cioè "Chi governa dissumuli" (el bisogna = deve), mentre con il che intenderebbe "Si deve fingere che [Amore] governi", con soggetto sottointeso che nella ripresa è sì Amore, ma nelle successive strofe manca completamente. Bas rende plusibile il che perché usa come refrain solo El bisogna simulare.

Nella soluzione di Bas è preferibile il che (il chi, più immediato, rende la presenza di Amore poco significativa); in quella di P/iii l'unica opzione possibile è chi, ma in quel caso non si capisce che c'entri Amore.

L'ipotesi più ragionevole è che "Amor" sia una corruzione (evidentemente già nell'archetipo) di "alcun". In effetti già la frase Poich'Amor con dritta fé non si può più ritrovare ha poco senso. Che Amore sia fedele è un auspicio che certo non può tirare in ballo il diritto. Al contrario alcun con dritta fé, cioè persona affidabile, non solo dà senso alla frase, ma elimina l'incongruenza di una Amore che ricompare immotivamente ad ogni ripresa, quando le trofe parlano esclusivamente di casi comuni di menzogna e raggiro.

r Poich'alcun con dritta fé | non si può più ritrovare,
el bisogna simulare | chi regnar al mondo de'. [1]
yx
xy
δ
γ
alcun ] amor Bas P/iii
chi ] che P/iii
i Oggidì ciascun in vista | è pacioso e mansueto.
Se ben ha sua voglia trista | la tien chiusa nel secreto.
Quel mi pare sia discreto | ché sa ciance torre e dare. [2]
El bisogna simulare!
ab
ab
bx
x
α
|
βγ
|
Oggidì ] Hogi e un di P/iii — pacioso ] patiente P/iii

pare sia ] par che sia P/iii — torre ] tor P/iii
ii Più regnar il Ver non può | che dal Finger vien sommerso.
Chi non sa far d'un sì un no | va mendìco errante e sperso,
e si vole [3] andare avverso | chi con tutti vol ben stare.
El bisogna simulare!
   
un no] no Bas — sperso ] perso P/iii
iii Se talor per qualche offese | l'un con l'altro ha gran rancore
non si vol mostrar palese | tutto quel che s'ha nel core
ma con modi, tempi e ore | al suo mal remedïare
     
iv Un cor franco schietto e aperto | oggidì più non si stima.
El bisogna andar coperto | chi vol ben giocar di scrima: [4]
d'un bon tratto si fa stima | tra color che sa giocare. [5]
El bisogna simulare!
    Un cor franco schetto ] Un bon cor sincero P/iii
e' l bisogna ] e si vol P/iii — chi vol ] si voi P/iii
v Rider sempre e far bon volto | col nemico oggi si vole,
che l'offeso è sempre stolto, | se di lui [6] si langue e dole.
Sempre a dar bone parole | non se può giamai fallare.
El bisogna simulare!
    sempre ] semper Bas
che ] ma P/iii
sempre a dar ] sempre dar Bas e haver P/iii
vi Questo è 'l stil che ne bisogna | imparare tutti a mente
poiché l'arte e la menzogna | oggi regna in tutta gente
se più fé non val nïente | forza è poi col tempo andare.
     
  [Poich'alcun...]      
1. Nel v. 3 la forma impersonale 'egli bisogna' (el non si può normalizzare con 'il', semmai con 'ei') crea un doppio sogetto con chi del verso successivo che tuttavia rientra nelle ozioni colloquiali; in merito alla restituzione della Ripresa cfr sopra nota c.
2. 'che sa sfatare (torre, togliere) o inventare (dare) bugie (ciance, zanze)'
3. 'si trova'
4. 'di scherma', di fioretto (attestato nella iv ed. della Crusca)
5. 'ottiene vantaggi da un'astuzia (bon tratto) proprio da chi ha saputo imbrogliare'
6. 'il nemico'
Nota linguistica
C'è un'insolita corrispondeza di regionalismi, il che fa supporre un antigrafo comune, almeno per il testo.
  Bas P/iii
gradaz. vocaliche se (> si), me (> mi), sumerso se (> si), me (> mi), retrovare, sumerso, de (> di)
altri regionalismi po (> può), zanze po (> può), zanze
latinismi    
scempiature ogi/hogi, tore, tuti, falare hogi, averso
geminazioni    

Musica

a. La musica di Bas e P/iii è differente, seppur condivide l'uso del color per passi in ritmo ternario.

b. L'intonazione di Bas lascia aperta l'ipotesi (poco probabile) che oltre al verso-refrain si debba intonare l'intera ripresa dopo ogni strofa.

c. Secondo le indicazioni di Petrucci l'impianto musicale si disporrebbe:

i Poich'alcun con dritta fé | non si può più ritrovare
γ
  El bisogna simulare | chi regnar al mondo de' δ
  Poich'alcun con dritta fé | non si può più ritrovare γ
ii Oggidì ciascun in vista | è pacioso e mansueto.
Se ben ha sua voglia trista | la tien chiusa nel secreto.
Quel mi pare sia discreto | ché sa ciance torre e dare.
α
α
β
  El bisogna simulare | chi regnar al mondo de' δ

La dilatazione cadenzante che chiude δ non sembra predisposta, nella ripresa, alla ripetizione di γ (peraltro prescritta solo da una didascalia) ma certamente permette di agganciarsi all'attacco della strofa con più naturalezza (γ termina in do e α inizia in sol). L'insolito refrain, limitato a vv. 3-4 è riscritto per esteso.

Note alla musica (Bas)
1. Altus: ]
2. Superius: fa mi fa fa ] sol fa sol sol | Tenor: la sol fa ] si la sol

5. L'arte nostra é macinare

Bas: 7 Singleton 1936: #76 (testo) — Borghi 1995

Esecuzioni: non rintracciate

Edizione []

Frottola comune.

Testo

Canzone di puro intrattenimento tutta giocata sul doppio senso osceno.

r L'arte nostra è macinare | e servire a tutta gente
con sincera e pura mente | pur che abbiam da lavorare.
xy
yx
γ
β

lavorare ] lavora
  L'arte nostra è macinare | e servire a tutta gente. xy γ  
i Venite voi, donne belle, | a macinare allo molino, [1]
o mandate le donzelle | a chi non pesa lo cammino [2]
che da sera o da mattino | le vedremo de spazzare.
ab
ab
ax
α
α
β


mattino ] matin
  L'arte nostra ...      
ii Macinamo ogni formento | purché bono o bello sia,
compiremo vostro intento | e usaremo cortesia,
e vegliare notte e dia | per volerve contentare.
     
  L'arte nostra ...      
iii Non stimamo affaticarsi | per cavar ben la farina,
né cercamo riposarsi | per aver noi bona schina:
serviremo ogni fantina | senza troppo indugïare
     
  L'arte nostra ...      
iv Or vogliamo che sappiati | che siam dotti in quest’arte,
né giammai refiutati | in veruno loco o parte.
Mal contento non si parte | chi con noi una volta ha a fare.
   

  L'arte nostra ...      
v Non serà persona alcuna | che vi serve come noi,
sia la donna bianca o bruna | che seremo ai piacer soi.
Se vi si lamenta poi | la colpa è del molinare.
     
  L'arte nostra ...      
1. Ipermetro: la a (prima sillaba) fa sinalefe con la fine del verso precedente
2. Idem.
Nota linguistica
La perdita della 'i' nelle forme cercamo, masinamo, stimamo, etc rimandano a regionalismo dell'Italia centrale.
  Bas
gradaz. vocaliche -se (> -si), nui
altri regionalismi masinamo, indusiare, refutati
latinismi  
scempiature tuta, abiam, doncele, camino, spazare, sapiati, giamai, dona
geminazioni  

Musica

a. Caso interessante di utilizzo di tempo tagliato. Il passo di β mostra quando il tempo tagliato non può esser pensato 'alla breve', ma col tactus accelerato (le due opzioni spesso si confondono, ma non in questo caso). D'altra parte anche la prolatio perfecta di γ, che insiste su un tactus e mezzo, mantiene la stessa accelerazione (la mancanza del taglio è frequente in questo tipo di mensura), pertanto fra le due mensure = . L'assenza del taglio in α deve invece considerarsi un errore, perchè non avrebbe senso un'mprovvisa decelerazione (né la scrittura musicale lo suggerisce), soprattutto in una frottola scanzonata come questa che gioca con il doppio senso osceno del macinare.

b. Insolito l'uso del ribattutto in γ non coerente con la sillabazione. Si può ipotizzare che suggerisca il ritmo strumentale in imitazione col Tenor o che sia un contrafactum sulla base di un brano con metrica diversa. La scelta in β di ripetere la conclusione del verso (fra quadre) vuol evitare l'eccessivo vocalizzare, più adatto a forme dotte, e soprattutto permette la ripetizione di parole sessualmente allusive che, nell'interpretazione, possono diventare comiche.

c. L'edizione propone eccezionalmente la distribuzione sillabica di tutte le strofe per mostrare come sia possibile 'aggiustare' versi ipermetri o altri con accenti interni inadeguati. In particolare La colpa è del molinare, pur ottonario, dovrebbe cantarsi La colpaè del molinare, ma con un'anacrusi occasionale può diventare La colpa è del molinare, assai più cantabile.

6. Ohimè il cuor ohimè la testa (Cara)
Egle Cacisi © 2021

Bas: 8 (a 3)
P/i: 2 (a 4)
?
Fp27: 12v-13r
P676: 11v-12r (a 4)
P27: 46 (liuto)

1998 Stradivarius [info] | 2015 Carpe Diem [info] | 2020 Dolce Vago (live)

Edizione []

Forma

Testo

Bas omette l'ultima strofa:

Bas
P/i
P676
 
   
    
r Ohimè il cuor, ohimè la testa | chi non ama non intenda.
Chi non falla non si menda: | dopo il fallo il pentir resta.
xy
yx
  intenda ] m'intenda P676
chi non ] e chi B/isi mende ] s'amenda Bas si emenda P676
  Ohime il cor ohimè la testa | chi non ama non intende. xy    
i Ohimè Dio che error fece io | ad amar un cuor fallace.
Ohimè Dio che 'l pentir mio | non mi dà per questo pace.
Ohimè il foco aspro e vivace | mi consuma il tristo core.
Ohimè Dio che 'l facto errore | l'alma trista me molesta.
ab
ab
bc
cx
 
pentir ] partir P/i

Dio ] om. Bas — trista ] afflicta P676 P/i
  Ohime...      
ii Ohimè Dio che ben credea | da un cuor falso esser tradito
Ohimè allor già non possea | del mio error esser pentito
Ohimè il cieco mio appetito | m'ha condotto a questa sorte.
Ohimè grido il mal più forte | cresce ognor e più si infesta.
    credea ] m’accorgea P676 P/i
già ] chio P/i — possea ] sapea P676 P/i — essersi pentito ] pigliar partito P676 P/i

grido il mal più ] io crido il mio mal P676cresce ognor e più si ] ognhor cresce e più me P/i
  Ohime...      
iii Due begli occhi, un parlar doppio, | una troppo gran beltade
fan che del mio mal mi scoppio | per la persa libertade.
Se per questo l'alma pate | ne fu causa il dolor cieco,
che ad effetto tal mi reco | che il martir mi fa la festa.
    begli ] dolci P676 P/i — troppo ] imensa e P/i
mal ] dolore P676 P/i
dolor ] desir P/i
vv. 7-8 ] el qual fa che sempre meco, sta assai guerra e poca festa P/i — martir ] morir P676
  Ohime...      
iv Pazïenza, o cor mio stolto, | godi il mal se tu il cercasti,
se allor quando fusti accolto | ad amar non reparasti.
Ti convien che pena tasti | del previsto tuo fallire,
ché non giova al tuo pentire | il gridar con voce mesta.
   
amar ] amore P676

il ] ne P676
  Ohime...      
Nota linguistica
Tipiche oscillazioni di dialetti padani.
  Bas P/i P676
gradaz. vocaliche el (>il), me (>mi), se (>si) el (> il), te (> ti), fusti, reparasti el (> il)
altri regionalismi credea, crido doi, cridar dolzi, crido, doi, dopio
latinismi facto afflicta, patientia facto, afflicta, conducto, effecto, patientia
scempiature alor, ochi alhor, imensa erore, alora, tropo, scopio, falir
geminazioni recco    

 

Musica

a. Info
————

Note alla musica
1. nota

 

7. Non val acqua al mio gran foco (Tromboncino)
Alessia Ginese © 2021

Bas: 9
P/i: 17v-18r
B/ii: 24r-v (voce e liuto)
Lbl: 22v-23r (senza testo)
P27: 46r (solo liuto)

Voce e liuto: 1981 Rooley [info] — 2011 Adas [] [info] — 2017 Fiorio (live) — 2018 Jublin [info]
Voce e strumenti:
2010 Capella de Ministrers [info] — 2011 Akantus [info] — 2016 Capella del la Torre [info] — 2017 Rassegna [info] — 2018 ContrArco (live)— 2019 Dulce memoire [info] — 2020 Amoria Ensemble [info]
Midi: 2020 Art Early Music

Edizione []

Forma

Testo

i Non val acqua al mio gran foco | che per pianto non s'ammorza
anzi ognor più si rinforza | quanto più con quel [1] mi sfoco
xy
yx
 
  Non val acqua al mio gran foco | che per pianto non s'ammorza
xy  
ii Il mio foco ha tal usanza | che per pianto ognor più cresce
e maggior prende possanza | se'l mio intento non riesce
il mio male è come il pesce | che nell’acqua ha il proprio loco
ab
ab
bx
 
  Non val acqua ...
   
iii Ho nel petto un Mongibello [2] | e negl'occhi un largo mare
che per mio maggior flagello | son ricordi al mio penare
piangendo ardo e lacrimare | col mio ardor sono tolto in gioco
  Mongibello ] montibello Bas
  Non val acqua ...
   
iv Non mi val gettar sospiri | per sanar l’ardor ch'io sento
che per un che fuor ne tiri | poi ne nascon più di cento
dove per minor tormento | morte acerba ognor invoco
   
  Non val acqua ...
   
v Non mi val il lamentare | che per gridi il dolor non scema [3]
qual saran dunque bone arme [4] | alla pena mia estrema
star piacente e con gran tema | ben servir chi m’ama poco
   
  Non val acqua ...
   
Note al testo
1.
Qual è il soggetto?
2.
Significato?
3.
Ipermetro
4.
Ipermetro e rima incerta
Nota linguistica.
Info
  Bas
gradaz. vocaliche el (> il), como, suspiri, seran donque
altri regionalismi anci, for, cridi
latinismi pecto, extrema
scempiature magior, getar, amorza, posanza, ochi
geminazioni  

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

8. Arda il ciel e 'l mondo tutto
Adriana Merenda © 2021

Bas: 10
Fp27: 27v- 28
F337: 32v (solo parte di basso)
P27: 43r (solo liuto), incipit Grida el ciello e il mondo tuto
P676: 119v-120

Esecuzioni non rintracciate

Edizione []

Forma

Testo

r Arda il ciel e 'l mondo tutto | poiché sono in fiamma e foco
destinato in questo loco | a servir senz'alcun frutto.
xy
yx
α
β

destinato ] condennato P/iii — in questo ] in ogni P676 — servir ] patire P676
  Arda il ciel e 'l mondo tutto | poiché sono in fiamma e foco. xy α/coda  
i Infelice nascimento | che m'ha dato la mia sorte.
Che'l mio mal sia nutrimento | di chi amo ognor più forte.
Per rimedio bramo morte | ché in tal stato son condutto.
  α
α
β

che'l ] el P/iii — di chi ] per che P/iii
per rimedio ] aime chio ??? — bramo ] de mia P/iii— ché ] om. P/iii P676
  Arda il ciel ...      
ii Ah crudel, or che ti giova | d'un tuo servo farne strazio?
Hai di me pur fatto prova, | né il tuo cor vedo ancor sazio
di tenermi in foco e giazzo: [1] | ad ognor con pianto e lutto.
   
v. 4-5 ] invertiti P/iii — vedo ancor ] ancor vedo P676
ad ] vivo P/iii — v. 6 ] in sospiri in pianto e in lutto P676
  Arda il ciel ...      
iii Se'l servir mio non t'è grato | dammi al manco libertade.
Se son tuo preso e legato | a che mi usi crudeltade?
Se non hai di me pietade | sarò presto arso e destrutto.
   
a che ] perche P676
preso ] presto P676
  Arda il ciel ...      
iv Pongo fine al mio lamento | che già son all'ultim'ora.
Sol per te vissi [2] in tormento | e per te forza è ch'io mora.
Per amarti mia signora | ho cavato tal costrutto.
    al mio lamento ] ai miei lamenti P676
sol per te vissi ] son per te vixo Bas — v. 3 ] son per te visso in tormenti P676
v. 5 ] per amarte ingrata io moro Bas — v. 6 ] a la morte son condutto P676
  Arda il ciel ...      
1. S'è preferito utilizzare la forma dialettale giazzo (da giazo Bas, giaço P676) per conservare la rima.
2. L'intervento chiarisce l'originale vixo (visso, vissuto) altrimenti poco perspicuo .
Nota linguistica.
Info
  Bas P/iii P676
gradaz. vocaliche -me (> -mi), serò el (> il), de (> di), te (> ti), condutto, condennato -me (> -mi), serò
altri regionalismi giazo   giazio
latinismi facto, fructo, conducto facto, fructo facto, fructo, conducto
scempiature tuto, fiama, dame (dammi) ghiacio tuto, fiama, dame (dammi)
geminazioni      

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

10. Tempo ormai di ricoprare
Emanuela Giacalone © 2021

Bas: 12

Esecuzioni: non rintracciate

Edizione []

Forma

Testo

r Tempo ormai di ricoprare [1] | del mio cor ambe le chiave.
Donna mia non t'è grave [2] | s'io ti voglio abbandonare.
xy
yx
i Longo tempo t'ho servita | io so ben con quanta fede.
S'è in forse la mia vita | io so ben che tu nol crede.
Questa n'è la mia mercede: | quanto merta il mio stentare.
ab
ab
bx
  Tempo ormai ...  
ii Dir non posso, or sia con Dio. | Dir non vo' quel che fatto hai.
Se aggio perso il tempo mio | ben mi rincresce e dole assai. [3]
Meglio è tardi che non mai: | questo ho avuto per ben fare.
 
  Tempo ormai ...  
1. Significato?
2. Col significato di 'non ti sia di peso'.
3. Ipermetro.
Nota linguistica
L'uso di 'aggio' (hagio) in Bas rimanda a forme del napolaetano.
  Bas
gradaz. vocaliche el (> il), tarde
altri regionalismi haùto
latinismi facto
scempiature asai
geminazioni  

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

12. Poi che'l Ciel contrario adverso (Tromboncino)
Carolina Faroni © 2021

Bas: 14
P/i: 21v-22r

Voce e liuto:  2009 More-Hester [info]
Liuto solo:   2014 Miguel Rincón [info] 2017 Rukavina [info]

Edizione []

Barzelletta con ripresa di 4 versi e strofa di 8.

Testo

r Poiché 'l Ciel, contrario adverso, | m'ha levato ogni ben mio,
yx βγ
  pensier dolci ite con Dio, | che star meco è tempo perso. xy [βγ]γ
i Un bel campo ho seminato | et un altro ha colto il frutto.
Se di quello fui spogliato | del mio mal fui causa in tutto.
E così dal duol distrutto | vo piangendo i persi tempi
e pur i mei disegni empi | che m'han tolto ogni ben mio.
ab
ab
bc
cx
α[α]
βγ

[αα
βγ
]+coda
  Pensier dolci ...    
ii Di me sol voglio lamentarmi | ché 'l Ciel non ha colpa alcuna,
perché troppo ebbi a fidarmi | della perfida Fortuna.
E quando ebbi l'ora opportuna | di dar fine al vecchio intento
volsi andar con passo lento | dove persi ogni ben mio.
   
  Pensier dolci ...    
1. nota
Nota linguistica.
Info
  Bas
gradaz. vocaliche de (> di)
altri regionalismi  
latinismi fructo, destructo
scempiature  
geminazioni  

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

15. Sì como il bianco cigno (Cara)
Claudia Duchetti © 2021

Bas: 17 — Borghi 1995: 118 (scheda) | 166 (testo) | 327 (musica)
P/i: 13r ("m.c.") — Schwarts 1935 — Cesari 1954 — Di Zio 2013
B/i: 23v (voce e liuto) — Disertori 1964

[da P/i]   1999 Curti [info] —   2020 Lutevox [info]

Edizione []

In forma di oda a tre versi e quattro rime senza refrain. Curiosa costruzione con due settenari e un endecasillabo con rima interna.

Testo

L'attribuzione a Marchetto Cara è in P/i. Gli interventi di P/i (da cui B/i) si rivelano tendezialmente peggiorativi.

i Sì como il bianco cigno, | per natural costume
morendo in qualche fiume,     il corpo lassa.
ab
bc
α Sì como il ] come chel P/i B/i
ii E mentre l’alma passa | dal corporeo velo,
d'un amoroso zelo     s'empie il petto:
cd
de
α dal ] de quel P/i B/i
iii e par ch’abbia diletto | e di morir si vanti
e più soave canti     allor che prima.
etc etc vanti ] avanti P/i B/i
e più soave ] con piu soavi P/i B/i
iv Tal io faccio stima, | sol col mio lacrimare,
di farmi intorno un mare     senza riva.
     
v Dove che un tempo viva, | né potendo partirmi,
forza fia seppellirmi,     al fin, nell’acque.
   
acque ] acqua Bas
vi E come che al Ciel piacque, | amando io vo' morire
e cantando scoprire     i miei pensieri.
    che al ] chel Bas
vii Non già perché mai speri | col mio angoscio pianto,
né col mio amaro canto,     il cor placare.
    angoscio ] angoscioso P/i B/i
placarte] placarte Bas
Nota linguistica
Tipiche scempiature e regionalismi del Nord Italia.
  Bas P/i B/i
gradaz. vocaliche el (> il), de (> di), -me (> -mi) idem idem
altri regionalismi      
latinismi pecto, dilecto, suave pecto, dilecto, suavi suavi
scempiature habia, facio, sepelirme, alhor sepelirme, alhor sepelirme
geminazioni      

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

17. Chi si fida di Fortuna (Tromboncino)
Ilaria Sollazzo © 2021

Bas: 20
P/iii: 54v-55r
Mn4: 160r, 16ov (solo testo)

Esecuzioni

Edizione []

Forma

Testo

Mn4, a parte la ripresa, presenta testo interamente diverso:

Bas
P/iii
Mn4
|  –  
|  
|    
r Chi si fida di  Fortuna | alla fin resta ingannato
che non è fermo alcun stato | sotto il corso della Luna
xy
yx

che ] chel Bas
  Chi si fida di  fortuna | alla fin resta ingannato
xy  
i Ogni cosa corre al fine | e non è sempre qual fu
se non l'opere alme divine | ch'han create di là su
chi si fida qua tra nu | alla fin resta ingannato
ab
ab
bx

ch'han ] chien Bas chen P/iii
  Chi si fida ...
   
ii
   
  Chi si fida ...
   
iii Come il ciel fermo non sta | così al corso di natura
così il tempo or toglie or dà | e qua giù cosa non dura
chi si fida in sua ventura | alla fin resta ingannato
 

in sua ventura ] de fortuna P/iii
  Chi si fida ...
   
1. nota
Nota linguistica
Info
  Bas P/iii Mn4
gradaz. vocaliche se (>si), de (>di), el (>il) idem, como  
altri regionalismi      
latinismi      
scempiature     inganato, richeza, forteza, salegra, beleza
geminazioni cossa    

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

18. Non è tempo d'aspettare (Cara)
© 2021 (dd)

Bas: 21 — Borghi 1995: 119 (scheda) | 170 (testo) | 334 (musica)
Stampe:
P/1: 3v-4r — Schwartz 1935: xxvii, 2 — Cesari 1954: lxxxiii, 3-4. 3* — Di Zio 2013 — Paul-Gustav Feller 2014: pdf
B/i: 32r-33v (voce e liuto, da P/i) — Schering 1931: #72 — Disertori 1964: 386-387

Voce e cembalo: 1950 Carbi [info]
Voce e strumenti:  1989 Zambon [info] —   1998 Invernizzi [info] —  2002 Branduardi [info] —  2013 (live) Secret of the Muses —  2015 Ring Around Quartet [info] —  2015 (live) Reditus Ensemble —  2017 (live) Graziadei —  2017 (live) The Broken Consort —  2019 Ensemble rosarum flores —  2020 (live) La Campanella
Voce e liuto:   1996 Florilegium musicae [info] —  1996 Baird —  2005 Anfuso —  2012 Nesci —  2014 Ansambl Triola —  2018 Bäuml
Due voci e strumenti:   2004 Unicorn [info] —  2010 (live) Alla Francesca
Strumentale:   2007 Toronto consort —  2013 (live) The New Zealand Lute Quartet —  2016 (live) [3 chitarre]
A cappella:  2008 (live) Armosaico —  2010 (live) La Canada Chamber Singers —  2013 (live) Brookey

Edizione | (Bas)

Barzelletta comune: la versione di Bas è forse un contrafactum ironico.

Testo

  Versione Bas      
r Non è tempo d'aspettare | quando s'ha bonaccia e vento
ché si vede in un momento | ogni cosa varïare
xy
yx
α
β
 
  Non è tempo d'aspettare | quando s'ha bonaccia e vento
  α/coda  
i Così como cade il fiore | così cade tua beltade
e tu pur stai in errore | sempre usando crudeltade
senza aver giammai pietade | a chi sempre te adorare
ab
ab
bx
α
α

β


chi ] cui Bas
  Non è tempo ...
     
 
Versione P/i, B/i
     
r Non è tempo d'aspettare | quando s'ha bonaccia e vento
ché si vede in un momento | ogni cosa varïare
xy
yx
α
β
e ] o P/i
  Non è tempo d'aspettare | quando s'ha bonaccia e vento
  α/coda  
i Se tu sali [1] fa' pur presto | lassa dir chi dire vòle
questo è noto e manifesto | che non duran le vïole
e la neve al caldo sole | sòle in acqua ritomare
ab
ab
bx
α
α

β
 
  Non è tempo ...
     
ii Sia pur l'uomo tale o quale | sempre tema il precipizio [2]
perché al ben vien dietro il male | se non sosta nell'inizio [3]
però faccia ben l'offizio | chi [4] ha la rota a governare
   
nell' ] in el P/i in nel B/i
  Non è tempo ...
     
iii Quando si ha fermato il piede | et in tutto intorno visto
muta pur Fortuna sede | che non val contra al provvisto [5]
che gli è ben da poco e tristo | chi non sa col tempo andare [6]
     
  Non è tempo ...
     
iv Non aspetti alcun che volti | questa rota instabilita
molti sono stati accolti | nel condur de la lor vita [7]
     
  Non è tempo ...
     
1. Ottieni un favore dalla Fortuna
2. Di qualunque [natura] sia l'uomo (buona o cattiva) è bene che sempre tema di cadere
3. Se [la ruota] non sta ferma
4. Evidentemente Fortuna
5. Che non serve resistere a quanto ci capita
6. Che è persona modesta e triste chi non sa adattarsi ai tempi
7. Nessuno stia ad aspettare che la ruota giri [quando è ] ferma: i più furono sorpresi [da Fortuna] nel decorso della vita
Nota linguistica.
La corrispondenza dei testi fra Bas e P/i (=B/i) è limitata alla ripresa.
  Bas P/ix B/i
gradaz. vocaliche se (> si), el (> il) se (> si), el (> il)
altri regionalismi bonaza drieto (> dietro)
latinismi aspectare aspectare, substa
scempiature giamai
geminazioni cossì  

 

Musica

a. Non v'è rapporto fra Bas e P/i (= B/i) benché abbiano origine comune. A parte la ripresa il testo non corrisponde. È probabile che Bas, musicalmente più vicino all'archetipo (v. punto b) sia poco più di uno 'scherzo' che riduce il tema dei rivolgimenti di Fortuna alla rivalsa di un pretendente trascurato.

b. A parte piccole varianti, Bas ha un'armatura in missolidio (sensibile abbassata), mentre P/i è in maggiore. Si tratta di un 'aggiornamento ' evidentemente introdotto da Petrucci per evitare l'oscillazione di sensibile fra cadenze e parti interne, ma il brano predilige l'abbassamento di sensibile e come tale è stato concepito. Solo ilgusto moderna e l'uso esclusivo di P/i nelle esecuzioni fa sembrare più famigliare la soluzione derivata.

c. Pertanto (v. punti a-b) s'è scelto di produrre tante edizioni quante sono le fonti e organizzarle in forma sinottica.
————

Apparato
1. nota

21. Alla guerra alla guerra (Tromboncino)
Pietro Miedico © 2021

Bas: 24 — Borghi 1995: 121 (scheda) | 175 (testo) | 340 (musica)
P/i: 31v-32r — Cesari 1954 — Di Zio Zanolli 2013: 132-35 (scheda, testo) 225-26 (musica)
B/i
: 39v — Disertori 1964: 406-7

Voce e liuto/chitarra: 1993 Rumsey [info] — 2000 Marini Consort [info] — 2002 Anfuso [info] — 2012 Teresa Nesci [info]
Più voci e strumenti: 2001 Ensemble Les Nations [info] — 2019 (live) Korte, Lampela
Audio non rintracciato: 1975 Capecchi [info] — 1981 Rooley [info] — 1981 Giuseppe Zambon [info] — 1997 Philadelphia Museum of Art [info] — 1998 Accademia strumentale italiana [info | info] — 2002 Naxos [info] — 2004 Beasley [info] — 2018 Zanichelli [info]

Edizione []

In forma di ode con refrain.

Testo

Delle 8 strofe in Bas solo 6 si ritrovano in P/i. Curiosamente B/i, solitamente derivato da P/i, reca altre 3 strofe.

Bas
P/i
B/i
        
     
     

 

i Alla guerra, alla guerra | ch’Amor non vuol più pace,
ma sempr'è più tenace. [1]
xy
y
α
β
 
  Alla guerra, alla guerra | ch’amor non vuol più pace! xy α1  
ii Questa guerra mortale | per un ardente strale
cagion d’ogni mio male | per farmi sempre guerra.
aa
ax
α
β
guerra ] guerra e P/i B/i — un ] uno Bas P/i B/i
  Alla guerra ...
     
iii Io non trovo arma forte | che vietar possa morte
invan batto alle porte | di pace e non di guerra.
    arma ] arme Bas P/i
di ... guerra ] non di pace ma de guerra P/i B/i
  Alla guerra ...
     
iv Or mo' son vinto in tutto | perso, arso e distrutto
questo è d’Amor il frutto | di tener sempre in guerra.
    perso ] preso P/i B/i
di ... guerra ] che sempre me fa guerra P/i B/i
  Alla guerra ...
     
v Ma la cagion vo’ dire | poiché deggio morire
e un secreto scoprire | cagion di tanta guerra.
    poiché ] poi chio P/i B/i
cagion ] e cagion Bas
  Alla guerra ...
     
vi Una a chi servo fede | che ’l mio dolor non vede
al fin per mia mercede | mi fa con morte guerra.
    vede ] crede P/i B/i
  Alla guerra ...
     
 
Strofe solo in Bas
     
vii Un sol don ti addimando | a uscir l’alma di bando
abbia pietà pensando | di mïa morte e guerra.
     
viii Se ’l corpo fia sepulto | in te il cuor vive occulto
né temerà più insulto, | fortuna e tanta guerra.
     
 
Strofe solo in B/i
     
ix Ma se 'l tuo dur concetto | non m’ha qualche rispetto
temo che po’ un dispetto | finirà l’aspra guerra.
     
x Se altrove pur sei volta | e in tutto da me tolta
ascoltami una volta | e a tua posta fa’ poi guerra. [2]
     
xi Ma non voler che in bando | stia il tuo servo quando
tu il vedi lacrimando | per la continua guerra.
     
1. Insolita ripresa di 3 versi con schema rimico che non chiude (xyyx).
2. Ipermetro.
Nota linguistica
Info
  Bas P/i B/i
gradaz. vocaliche tenir, -me (> -mi), de (> di), el (> il)   -me (> -mi), respetto, el (> il)
altri regionalismi vol, scuoprire   to ( > tua), po (> poi)
latinismi vetar, destructo, fructo vetar, aspecta  
scempiature adimando, abia, degio  
geminazioni    

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

24. Deh per Dio non mi far torto (Tromboncino)
Salvatore Gabrieli © 2021

Bas: 27 — Borghi 1995
P/i: 23v-24r — Cesari 1954 — Di Zio Zanolli 2013 — Feller 2014
B/ii: 53v-54r
Bq18: 2v-3r
P27: 47v (liuto solo)

Esecuzioni: 1979 Bottega Musicale Ferrarese [info]

Edizione

Frottola in forma comune.

Il protagonista si lamenta, come fosse morto, delle pene infernali che soffre per causa di una donna. Quest'ultima compare solo nell'ultima strofa, mutando la citazione del salmo latino.

Testo

Distribuzione delle strofe:

Bas
P/i B/ii
Bq18
|     
|  4/ 2/ 3 
|   
r Deh per Dio non mi far torto: | traimi [1] ormai da foco eterno
poiché sol per te son morto | e dannato nell’inferno.
xy
xy
α
β
traimi ] trami Bas Q18 — da ] de Bas del  P/i
  Deh per Dio non mi far torto: | traimi ormai de foco eterno xy
α/coda  
i Io son l’ombra poverella | d’un che è morto sol per fede
che al suo Dio va tapinella | per aver qualche mercede
poiché ai morti si concede | questo dì [2] pace e conforto.
ab
ab
bx
α
α
β

tapinella ] voto apella Bq 18
ai morti ] amorti  Bas a morte P/i B/ii amorto Bq18
  Deh per Dio ...      
ii Non sia alcun però che stima, | se ben par che muti loco, [3]
ch'io non sia dov’era prima | e che a me s'estingua il foco
perché abrugio in ogni loco | e l'inferno meco porto.
 

che ] chio P/i
s'estingua ] extingua  Bas se extingua P/i B/ii
perché ] per Bas
  Deh per Dio ...      
iii Chi mi vede oggi per via | giurerà che ancor sia vivo,
ma chi sa la doglia mia | dirà lui che più non vivo.
Ma così di vita privo | cerco anch’io qualche conforto.
    giurerà] chiederà  Bq18

cerco] haro Bq18 — conforto ] diporto P/i B/ii
  Deh per Dio ...      
iv De profundis te clamavi, | donna, exaudi mie parole. [4]
Tempo è ormai che me ne cavi | e ragione ancora il vole:
oggi è il dì nel qual si suole | dar riposo a ciascun morto.
    mie ] me Bas

oggi ] chozi P/i B/ii — morto ] morte Bas
  Deh per Dio ...      
1. Nel senso di 'tirami fuori'
2.
Il riferimento è alla festa dei morti (2 novembre), come più esplicitamente indicato all'ultimo verso. In realtà l'evocazione è metaforica, dal momento che il poeta è morto dentro, per ragioni di cuore (come si capisce dalla str. iv).
3. Cioè, in quanto morto, poiché passato al regno dei morti.
4. Citazione del celebre salmo 129, usato come Antifona (LU 291), Tratto (LU 499), Alleluia e Offertorio (LU 1076): «De profundis clamavi ad te Domine, exaudi vocem meam».
Nota linguistica
Alcuni elementi in P/i B/ii (cussì, riposso, iuraria) lasciano supporre un antigrafo di provenienza meridionale.
  Bas P/i B/ii Bq18
gradaz. vocaliche mi vede (> me vedi), de (> di) si (>se), il (>el) il (>el)  
altri regionalismi extingua, me (> mie) abruscio, hozi, iuraria abruscio, hozi, iuraria, homai, sole  
latinismi damnato      
scempiature dona      
geminazioni   cussì, riposso cussì, riposso ellinferno

Musica

a. La diversa correzione delle ottave (app. n. 5) suggerisce che Bas fosse la lezione (scorretta) originaria, diversamente corretta da P/i e Bas.

b. I frequenti lunghi tenuti in Bq18 a di Altus e Bassus su legano alla prassi strumentale.
————

Apparato
1. Tenor: ] om. Bas
2.
Tenor: ] Bq18
3.
Cantus: (fa sol) ] (fa) Bq18
4.
Bassus: ] Bq18
5.
Altus: ] (la sol) Bas (la re) Bq18
6.
Cantus: ] Bas Bq18
7. Altus: ] Bq18
8. Altus: ] Bq18
9. Tutti: ] P/i B/i Bq18

29. Pietà cara signora
Eleonora Garzia © 2021

Bas: 32
P/i: 14r
B/i:
P27: 46v

1962 Bortone [info] — 1998 Invernizzi [info]

Edizione []

Frottola a oda con refrain.

Testo

Bas e P/i presentano l'ultima strofa su testo differente:

Bas
P/i
    
   4/3  
i Pietà, cara signora, | ch’io son già quasi morto
morendo io moro a torto | che pur ben servo ognora
xy
yx
già ] om. Bas
che ] e P/i
  Pietà, cara signora, | ch’io sono quasi morto.
xy  
ii Pietà che’l gran diletto | che entrommi in mezzo al petto
vedendo il vostro aspetto | la notte e il dì m’accora
aa
ax
 
  Pietà cara ...
   
iii Pietà che'l vostro nome | m’ha carco di tal some
ch'io stesso io non so come | respiri ch’io non mora
bb
bx

ch'io ] me Bas
  Pietà cara ...
   
iv Pietà che’l miser cuore | sente in sé tal dolore
che di passion ne muore | l’anima che vi adora
 
ne ] non Bas
  Pietà cara ...
   
v Pietà che la mia sorte | mi fa bramar la morte
da questa vita forte | che ormai mi trassi fuora
   
  Pietà cara ...
   
vi Pietà ch'io ho perso il lume | degli occhi volti in fiume
siccome ha per costume | chi troppo se innamora
   
  Pietà cara ...
   
Nota linguistica
Info
  Bas P/i
gradaz. vocaliche de (> di), ve (> vi), me (> mi) el (> il), de (> di)
altri regionalismi introme introme
latinismi pecto, nocte dilecto, pecto, nocte
scempiature acora, trasi acora, inamora
geminazioni    

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

32. Se non dormi donna ascolta
Igor Orifici © 2021

Bas: 35 — Borghi 1995: 126 (scheda) | 191 (testo) | 365 (musica)
P/iii: 53v-54r — Cesari 1954 — Sparti 1996: 161-162 (da Cesari)
Fp27: 110v-111r— Filocamo 2020: 405-409
F13: ?? (cit. in Sparti 1996: 153) — infoinfo
Lbl: 40v-41r (solo str. ii + altra non in Bas)
P676: 67v-68r

2013 Gaita [info] — 2020 Anonima Frottolisti [info]

Edizione

Frottola comune. In Diamm dubitativamente attributa (senza motivazione esplicita) a Compère.

Testo

Oltre alle 4 strofe comuni (3 + ripresa) Bas, P/iii e Lbl presentano ciascuno una strofa indipendente (qui numerate v, vi e vii).

Bas
P/iii
Lbl
P676
    
    
 –  
  
i Se non dormi donna ascolta | la passion che mi tormenta
poiché l’alma è quasi spenta | che nel cor era raccolta [1]
xy
yx

poiché ] p’ch’ P676 — l’alma ] om. P/iii — cor era ] petto sta Bas corpo sia P676
  Se non dormi donna ascolta | la passion che mi tormenta
   
ii Se tu dormi io veglio e canto | non però che n’abbia voglia
sol ti narro col mio pianto | lo [2] spiacer della mia doglia
gran tormento e cruda voglia | che nel petto sta raccolta
ab
ab
bx
Cfr [3]
lo ] il Bas
  Se non dormi ...
   
iii Io sto intorno alle tue mura | non dormendo ma vegliando
ben conosco che sei dura | in sta voglia sempre stando
anderà sempre mancando | la mia vita pazza e stolta
  Cfr [3] — vegliando ] vigilando Bas
  Se non dormi ...
   
iv Dammi almanco una risposta | quando tuo sarà il potere
verità non sia nascosta | in quel tanto tuo sapere
non mi far or più dolere | la mia vita in pac'è volta
  almanco una ] almen qualche P/iii — tuo sarà il potere ] a tuo servo el può dare P/iii

più dolere ] pene avere P/iii – pace ] gaudio Piii
  Se non dormi ...
   
 
Strofa presente solo in Bas
   
v Giunto sono donna al laccio | io non posso più fuggire
fa di me qualche più strazio | son disposto a te servire
con ingegno forza e ardire | fin che vita a me sia tolta
   
  Strofa presente solo in P/iii    
vi Se non hai di me pietade | dammi almeno un bel commiato
che non stia in calamitade | se da te morto io cado
ben servir in cotal stato | mi nutrisco in pena molta
  commiato ] combiato
  Strofa presente solo in Lbl    
vii Se tu credi il mio cantare | che sia sol per darmi spasso
egli è sol per dimostrare | il crudo affanno del cor lasso
sol per te donna mi spasso | poiché l’alma tu m’hai tolta
  che ] el

m'ha ] m'ha
————
1.
La lezione di Bas si è esclusa in quanto probabile reiterazione della seconda strofa
2.
Intervento suggerito per una migliore pronuncia e fluidità della scansione metrica della parola
3.
Notevoli le varianti delle strofe ii-iii che si riportano in forma sinottica:
P/iii Lbl P676
Se tu dormi io veglio e canto | non però che n’abbia voglia
sol ti narro col mio pianto | il piacer e la mia voglia
questa dura mia gran doglia | che nel petto m’è recolta
Se tu dormi io veghio e canto | non perch’io n’abbi gran voglia
solitario col mio pianto | la gran pena e l’aspra doglia
gran dolore e cruda voglia | che nel petto è già ricolta
Se tu dormi io vegio e canto | non però che n’abbia voglia
sol ti narro col mio pianto | il spiacer della mia doglia
et ognor aspra e cruda voglia | nel mio pecto era ricolta
Io sto intorno alle tue mura | non dormendo e non vegliando
ma cognosco ben sei dura | questo viver intanto sperado
andarà ad ognor menando | la mia vita pazza e stolta
  Io sto intorno alle tue mura | non dormendo ma vegiando
e conosco che tu sei dura | questo amante in stento stando
ch’anderà ognor menando | la mia vita pazza e stolta
Nota linguistica
Info
  Bas P/iii Lbl P676
gradaz. vocaliche te (> ti), el (> il), me (> mi) me (>mi), el (> il), notrisco el (> il) el (> il)
altri regionalismi ricolta, to (> tue), gionto cor, recolta, veghlando gram, ricolta, tua (> tue), abbi ricolta, vegiando
latinismi pecto dimonstrare pecto  
scempiature dona, pasion, abia, paza, dame, fugire paza dona, pasion, abia  
geminazioni        

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. Tenor: ] P/iii Lpl P676

34. O mia cieca e dura sorte (Cara)
Michele Rota © 2021

Bas: 37
P/i: 6
B/i: 19
Ch: 9r [index] (liuto solo)
F230: 28 [vert] — D'Accone 1989 (facsimile)
Mn4: 171v (solo testo) — Gallico 1961

Vocali: 1983 Circa 1500 [info] — 1994 Rumsey [info | info] — 2000 Wilkinson [info]
Strumentali [da Ch]: 1982 Bailes [info] — 1994 Zimmermann [info]— 1999 Wilson [info | info] — 2005 O'Dette [info] — 2013 Rubin [info] — 2014 Chierici [info] — 2017 Rukavina [info] — 2020 Marchese [info]

Edizione []

Forma

Testo

Distribuzione delle strofe:

Bas P/i B/i
F230
Mn4
    
   
   4/3  
i O mia cieca e dura sorte | di dolor sempre nutrita
O miseria di mia vita | tristo annuncio alla mia morte
xy
yx
 
  O mia cieca e dura sorte | di dolor sempre nutrita    
ii Più dolente e più infelice | son d'alcun che viva in terra
L’arbor son che il vento atterra | poich'ha perso la radice
Ver è ben quel che si dice | che mal va chi ha mala sorte
ab
bc
cx
d'alcun ] chalchun Bas F230 Mn4 che alchun Bas F230 Mn4
poich’ha perso] per che più non ha P/i B/i Mn4 poi che più non ha F230
va ] un Bas
  O mia cieca ...    
iii La cagion di tanto male | sol Fortuna e’l crudo Amore
perché sempre di buon cuore | ho servato fede immortale [1]
la qual fiaccata ha l’ale | e scacciato da ogni corte
  sol] è P/i B/i F230 Mn4
ho] om. P/i F230 — ho servato fede ] servitho cò fe B/i servato ho sempre fede Mn4
la qual] la qual hor P/i B/i F230 Mn4 — scacciato] bandita P/i B/i scatiata Mn4
  O mia cieca ...    
iv A un viver duro e grave | grave e duro morir conviene [1]
Finir voglio in pianto e pene | come in scoglio fa la nave
che al fin rompe ogni suo trave | poiché un tempo è stato forte
  A un ] per che a un P/i Mn4 — duro] dur P/i
pianto] piancti P/i
stato] stata P/i F230 Mn4
  O mia cieca ...    
v Piglia esempio ognun che vede | scritto in questa tomba oscura
benché’l sia fuor di natura | morto son per troppa fede
per me mai non fu mercede | pietá chiuse male porte
  questa ] la mia P/i B/i Mn4
benché’l sia fuor di ] se ben fuor son de P/i se ben fora sun Mn4 se ben son for di B/i
v. 6 ] pietà m’ha chiuse le porte B/i — male ] a me le P/i Mn4
  O mia cieca ...
   
1. Ipermetro
Nota linguistica
Info
  Bas P/i B/i F230 Mn4
gradaz. vocaliche de (> di), se (> si) de (> di), se (> si)   de, notrita, sun (> son)
altri regionalismi for (> fuor) core    
latinismi exemplo, scripto, obscura piancti, exempio, scripto, obscura et  
scempiature aterra, fiacata, scaciato fiacato, anuntio anuntio  
geminazioni      

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

35. Guarda donna il mio tormento
Maurizio Martinelli © 2021

Bas: 38
P/ii: 39v-40r
Lbl: 2v-4r
Md: 113r (116r) — Anglès-Romeu 1965, ii (1951): 219-20 ; iii (1965) 340-41 [#190] > dig. ed.: testo (1990) — cipoo.net (2002) — Gómez 2004: link
Mn4: 203r, 203v

1972 Munrow [info | info] — 2009 La Reverencia [info] — 2011 Paniagua [info]

Edizione []

Forma di barzelletta comune.

Testo

Distribuzione delle strofe:

Bas P/ii Mn4
Lbl
Md
 |    
– 
–   
r Guarda donna il mio tormento | che per te son quasi morto
Non più guerra non più stento | che s'io moro io moro a torto
xy
yx
β
γ

s'io moro io moro ] son morto et morto Mn4
  Guarda donna il mio tormento | che per te son quasi morto   β  
i Guarda donna il volto mio | come forte e impallidito
Che il tormento acerbo rio | fin ch'io son mostrato a dito
Lascia me ch'io son ferito | non mi può sanar unguento
ab
bc
cx
α
α
β

rio ] et rio Mn4
vv. 5-6 ] la sorte chio son ferito | ne me sanava unguento Mn4
  Guarda donna ...      
ii Io mi sento a poco a poco | a mancar li spirti miei
ho nel petto acceso un fuoco | che mi brucia per costei
Più non chiedo aiuto a lei | che io prego e parlo al vento
   

a lei | che io prego e parlo ] ai dei | che mei prege spargo Mn4
  Guarda donna ...      
iii Ahimè lascio ch'io son servo | senza aver alcun ristoro
Questo amor aspro e protervo | sempre paga di dolore
Questo è quel che il tristo core | non sarà mai più contento
    servo] privo Mn4 – alcun] altro Mn4

v. 5 ] questo fa chel miser core Lbl — v. 6 ] et mai più sarò contento Mn4
  Guarda donna ...      
iv Son disposto a seguitarti | fa che morte mi ricolga
Mai più vo' pentir d'amarti | ben che resti a me la doglia
Se l'alma e il corpo si spoglia | finirà il mio lamento
    a] de Mn4
  Guarda donna ...
     
1. nota
Nota linguistica
Info
  Bas P/ii Lbl Md Mn4
gradaz. vocaliche ti (> te) ti (> te) ti (> te) ti (> te), por (>per), el (> il), me(> mi)  
altri regionalismi   onguento, preghi, recoglia, serta   serta mei, prege, recoglia
latinismi pecto adiuto, pecto     pecto
scempiature dona   dona dona , laso dona, guera,
geminazioni         sarrò

 

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

36. L'amor donna ch'io ti porto (Fogliano)
© 2021 (dd)

Bas: 39 — Borghi 1995: 128 (scheda) | 198 (testo) | 373 (musica)
Stampe:
P/vii: 18vEinstein 1949, iii: xii, 5 [#5]  — Boscolo 2006: 68-69 (testo), 151 (musica)
Manoscritti:
Md: 68r (59r) — Barbieri 1890: 78, 315 [#73] — Anglès-Romeu 1965, i (1947): 116, iii: 291-92Gómez 2004: pdf
Mn4: 166r-167v (solo testo) — Gallico 1961
P27: 50 (accomp. liuto)
P676: 110v-111r ("Ia. Fo.") — Saggio 2011: 152 (info), 157 (musica), non edita il testo — Luisi 2012: 149 (testo), 382 (musica) [#100]
Contrafacta:
Legacci 1516 [edit16]: a10vLuisi 1994: 272-73 (info), 288-89 (testo), 311 (musica da ??)

Bibliografia: Barbieri 1890 | Anglés 1947, 1965 | Einstein 1949 | Gallico 1961 | Luisi 1994 | Borghi 1995 | Boscolo 2006 | Saggio 2011

Voce e strumenti: 1972 Bowman/Munrow [info] —   1989 Zambon [info] — 1995 La Rondinella [info] 1999 Owain Phyfe [info] —   2006 The Duafay Collective —   2011 Paniagua —   2011 (live) Goliardos Ensemble —   2012 La Rossignol 2014 Capella de la Torre —   2014 Agúndez —  2015 (live) Secret of the Muses —  2020 Nakasako Sakana —  2020 Juan Marquez
Voce e liuto: 1991 Wallace [info] — 1995 La Romanesca [info] —   2010 Beasley (i) —   2012 Doulce Mémoire —  2016 Beasley (ii)
Più voci e strumenti: 1997 Syntagma Musicum [info] — 1999 Capella Virelai [info] —   2015 Ring Around Quartet [info] | (alter) —  2018 Almune & Götterfunken
Coro e strumenti: 2004 Conjunto de Rosario [info] —  2010 (live) Nashville Early Music Ensemble —  2015 Friedenskirche Hannover —  2018 (live) Iglesia Alemana de Rosario
Strumentale:   2003 Venere Lute Quartet —  2009 Capriccio stravagante —   2014 Capella de la Torre —   2015 Bova —  2016 Ancient Music Guitar Ensemble
A cappella:   2007 Toronto consort —  2016 Chiesa Metodista
Midi:   2018 —  2019
Tutte le esecuzioni sono tratte da Md

Edizione []

Barzelletta comune.

Testo

Le sei strofe compaiono integralmente solo in Mn4, mentre P676 presenta due strofe diverse (pertanto sarà riprodotto separatamente):

Bas
Md
Mn4
P/vii
P676
   
  
     
——
  
i L'amor donna ch'io ti porto | volentieri vorria scoprire.
Il mio affanno vorria dire | che per te sempre sopporto.
xy
yx
α
β
volentieri ] volentier P/vii voyenter Md — scoprire ] scoprirte Md
dire ] dirte Bas Md — sempre ] pena Md
  L'amor donna ch'io ti porto | volentieri voria scoprire.
xy α/coda  
ii Penso pur como ti possa | discoprir l'ardente foco
che mi brucia in fin'a l'ossa, | ma non vedo il tempo e il loco
e così mi ardo in foco | senza avere alcun conforto.
ab
ab
bx
α
α

β
penso pur ] yo non se Md
in ] om. Md — ma ] e Md — il (2 volte) ] om. Md
ardo ] bruso Md
  L'amor donna ...
     
iii Non mi fido a mandar messo | perch'io temo esser gabbato,
ma s'io passo a te dappresso | tu ti volti in altro lato.
Così son più giorni stato | e mi trovo a peggior porto.
    a ] om. Md — perch'io ] perche P/vii — temo ] om. Md
ma s'io passo a te ] sio te passo per P/vii sio te passo pur Md — in ] al Md
e mi trovo ... ] e son anche ... P/vii senza aver alcun conforto Md
  L'amor donna ...
     
iv Pur ch'io possa in pazienza | sopportar questo dolore
e far grande resistenza | per tener secreto amore,
per salvar il tuo onore | patirìa ogni gran torto.
     
  L'amor donna ...
     
v Ma se tu puoi trovar la via | che ti conti il mio lamento
sol da te questo vorria | per pietà poi son contento
or ascolta il mio tormento | suscitar puoi questo morto
     
  L'amor donna ...
     
vi Ahimè lasso ch'io son giunto | che non posso il mio amor dire
a chi m'ha ferito e punto | ma tacendo vo soffrire
mi convien del mio servire | questo merto io ne porto
     
  L'amor donna ...
     
Nota linguistica
La patina veneta di Bas, che certo non rimanda a Fogliano, può forse ricondursi all'antigrafo. Md presenta elementi ispanici (voyenter, yo) chiaramente dovuti al copista; la diffusa presenza di scempiature si deve forse all'antigrafo probabilmente veneto.
  Bas Md P/vii
gradaz. vocaliche el (> il), suporto, descoprir te (> ti), el (> il), descoprir, me (> mi), nun el (> il), suporto, te (> ti), me (> mi), gionto
altri regionalismi brusa, poi (> puoi) brusa, tenpo  
latinismi patientia, resistentia    
scempiature dona, voria, suporto dona, voria, afano, soporto, meso, gabato voria, affano, gabato, pegior
geminazioni    

Testo di P676:

i. L'amor donna ch'io ti porto | volentera voria scoprire [1]
e il mio foco sminuire | chel nel pecto chiuso porto [2]

ii. Ch'io non scio como mai possa | tollerare l'ardente foco [1]
che mi brucia nervi et ossa | e sì mi strugge a poco a poco [3]
Io non vedo tempo et loco | che mi possa dar conforto

iii. Sappia ognaltro ch'è amante | voglio mia fede mantenir [1]
da te credo star constante | tollerare ogni martir
pur ch'io faccia il tuo desire | non mi curo patire a torto [4]

iv. Meschin me che quasi morto | son al punto del morire
per gran doglia che mi porto | mi potresti far guarire
se non sani il mio languor | in poco tempo sarò morto [3]

1. Ipermetria del secondo verso (2322) concessa dalla musica che si ripete nelle str. i-iii (non iv).
2. Erroneamente a questi versi sono attribuiti alla melodia α, mentre per β e α/coda viene ripetuto due volte "L'amor donna..."
3. Ipermetria risolta da sinalefe col verso precedente
4. Ipermetria anomala

Musica

a. Il brano sembra essere stata usato per intonare la canzone (tre strofe) che conclude l'egloga pastorale Solfinello di Pietrantonio Legacci cantata a tre. L'ipotesi di Luisi si basa sulla corrispondenza delle rime della prima strofa.
————

Apparato
Uso del color (sostituito dal ritmo puntato): Bas come da edizione, P/vii mai, P676 più volte di Bas
1.
Cantus: (armatura) ] om. Bas — om. a tutte le voci (e occasionalmente aggiunto il ) P/vii (senza aggiunta) P676
2. Tenor: ] P/vii P676 (solo la seconda volta) Md
3. Altus, Tenor, Bassus: ] P/vii
4. Tenor: ] Md
5. Altus, Tenor, Bassus: ] P/vii (Altus, Bassus) P676
6. Bassus: ] (fa re) P/vii Md P676
7. Altus: ] P676
8. Tenor: (la si sol) ] (si la sol) P676
9. Bassus: ] P/vii P676
10. Altus, Tenor, Bassus: ] (solo Tenor) Bas (Altus, Tenor) P676 (tutti) Md
11. Bassus: fa ] ottava sopra Md

54. In te domine speravi (Josquin)
Francesco Sappa © 2021

Bas: 67 — Borghi 1995: 135 (scheda) | 220 (testo) | 403 (musica)
P/i (1504): 49v ("Iosquin d'Ascanio") — Kiesewetter 1929: 71 — Schwartz 1935 — Cesari 1954 — Sherr 2000: 425-27 — Fallow 2005 [NJE 28.8] — Boorman 2006: 913 (info) — Di Zio 2013Cpdl (2002-2019)
Ber: 226v-227r
Bq18: 12v (senza testo)
Fp27: 42v — Filocamo 2020: 405-409
F337: 73v (84v)
Lbl: 56v
Md: 56r ("Iosquin d'Ascanio") — Barbieri 1890: 76, 311 [#68] — Anglès-Romeu 1965
P676: 17v
— Intavolature:
B/i (1509): 38v-39r ("Iosquin d'Ascanio", voce e liuto) — Disertori 1964Wiehe 2007: 29 (music)
NN (1544): #33 | (1447): #30Wiehe 2007: 30 (music)
M266: #33 (Marco Dall'Aquila, Recercar) — Wiehe 2007: 33 (music)
M439: 109v — Dethlefs 2007Wiehe 2007: 31 (music)
W352: 30-31 — Wiehe 2007: 32 (music)
Contrafacta:
M326: 13r (solo Altus)
SG
: n. 25 ("Iosquinus Pratensis", solo Cantus) | In te Domine speravi non confundar (testo liturgico di riferimento) — Albrecht 1959 — Cisterò 1991: 40 (info)
EU: ?? | Deo gratias

Voce e strumenti: 1996 Baird [info] — 2003 Musica Antiqua London [info] — 2007 Capella de la Torre [info] — 2013 Savall [info] — 2015 Rose Consort of Viols [info] — 2015 Anonima Forottolisti [info] — 2017 Ensemble Canti B [info] — 2019 Pacifici (live) — 2019 Dulces Exuviae [info]
Più voci e strumenti: 2016 Ancient Music Guitar Ensemble (live) — 2017 Boston Camerata (live)
A cappella: 1983 Hilliard [info] — 2005 Orlando Consort (live) — 2016 Arezzo Consort (live) — 2019 Real Capilla (live)
Coro: (tutti live) 2009 Dulce Momoire — 2009 Coro polifonico Reggio Emilia — 2010 Adormeus Slovak Choir — 2011 Camara Nova Musica — 2011 Vocal concertisten — 2014 The 18th Street Singers — 2014 Coral de las Rosas — 2015 Rolnicka Praha — 2017 Univ. of Glasgow Chapel Choir — 2018 UniCante | (alter)
Strumentale: 1995 Ensemble Josquin [info] — 2013 Bengtson (live) — 2019 Cinquina [info] — 2020 Nakashima (live) — 2021 Widdington (live)
Altro: 2019 Midi — 2021 Dawkins (strum.) — 2021 Hampstead Paris Churc (voc.)

Edizione []

Frottola comune.

Testo

Oltre alla ripresa una sola strofa è presente in tutti i testimoni, la seconda solo in alcuni casi e P/i (= B/i) e P676 recano altre due strofe indipendenti. Md copiato come aggiunta tarda (in uno spazio libero della pagina) a partire da P/i (Barbieri 1890 e Stevenson 1960).

Bas
P/i B/i
Lbl
Md
P676
 |  
 | 
 |  
 | 
 |  

Sherr 2000: 425-27 dice il testo «macheronico»; in realtà si tratta di un normale italiano con uso di citazioni latine che rievocano il latino del salmo 31 [italiano], citato nel primo verso.

i In te Domine speravi | per trovar pietà in eterno,
ma in un tristo e scuro inferno | fui, et frustra laboravi.
xy
yx
trovar ] trovare P676 — pietà ] pace Lbl pietate Md pianto P676
tristo ] terzo Md — e ] et P676 — scuro ] crudo Lbl obscuro P676 — et frustra ] et frusta Lbl om. Md
  In te Domine speravi | per trovar pietà in eterno. xy  
ii Rotto ha il vento ogni speranza, | vedo il ciel nutrirmi in pianto,
sospir lacrime m'avanza | del mio tristo sperar tanto.
Mia miseria ebbe fin quando | tribulando ad te clamavi.
ab
bc
cx
ha il ] e al P/i Md — vedo] vede Lbl — nutrirmi ] voltarmi P/i Md P675 inverte i vv. 2 e 4
sospir ] sol suspiri e Bas — avanza ] avanza sol Lbl — del ] el Lbl
mia miseria ] ma seira Bas — tribulando ] lacrimando Lbl [a]
  In te Domine ...    
iii Fin al ciel i dolor miei | son già noti e tu nol credi,
sol te sola ch’io vorrei | par nol senti e tu lo vedi, [1]
mai dal dì che a te mi diedi | ad te oculos levavi.
  Fin ] Fino Lbl — ciel ] cielo Lbl P676 — dolor ] dolori P676 — nol ] non Lbl P676
sola ch’io ] donna mie Lbl che P676 — lo ] li Bas[b]
ma ] may Bas — a te ] om. Bas
  In te Domine ...    
 
Strofa presente solo in P/i B/i
   
[iv] Lo cecato voler mio | per sin qui m'ha fatto muto
Et or poco al dolor mio | per mio dir vien provveduto
deh Signor porgimi aiuto | quia di me iam desperavi.
   
  Strofa presente solo in P676    
[v] Se nel Ciel, como si dice, | del martir si sente palma
però so d'esser felice | per seguir te, occhi d'alma,
e per questa mia degn'alma | semper lacrimas rigavi.
 
però so ] p'sso
a. Verso ii.5 (mia ... quando): Fui ferito se non quanto P/i Md Mai non ebbi se non pianto Lbl Sempre affanni abysso in ogne canto P676
b. Verso iii.4 (par ... vedi): pur tul senti e si non credi Lbl star nel stento e tu il vedi P676
1. Nel senso di: pare che tu non lo senta (che voglio solo te) eppure lo vedi.
Nota linguistica
Info
  Bas P/i B/i Lbl Md P676
gradaz. vocaliche suspiri -me (> -mi), de (> di) el (> il)   ogne
altri regionalismi dedi ven   trobar, vegio mei
latinismi   adiuto      
scempiature   proveduto      
geminazioni notti       cello

Musica

a. Il problema dell'attribuzione: Petrucci pubblica nel novembre 1504 le sue Frottole libro primo (P/i) in cui assegna due brani (In te domine speravi e El grillo è bon cantore) a «josquin dascanio». Dal momento che Petrucci aveva già pubblicato nel settembre 1502 il primo libro delle Misse Josquin, ci si chiede perché introduca la specifica «d'Ascanio». Una possibile risposta è che Petrucci volesse ricondurre le frottole al periodo in cui Josquin era musico del cardinale Ascanio Sforza (1484-85). Benché questa sia la tesi generalmente accolta, Sherr 2000 e Fallows 2003 hanno avanzato alcuni dubbi in ragione di alcune improprietà nella condotta delle parti. Va però osservato che le due frottole non hanno attestazioni precedenti è non è improbabile che l'Altus (la parte in discussione) sia stato completato da Petrucci. Semmai non si può escludere che le due frottole più 'colte' di P/i (le uniche strutturalmente polifoniche) siano state arbitrariamente attribuite all'oramai famoso Josquin ma come composizioni 'giovanili'.

Kiesewetter 1929 editò per la prima volta In te Domine speravi  (da P/i) come opera di «Josquin d’Ascanio» (p. 71), avendo pubblicato anche La Bernardina (p. 64) come opera di «Josquin des Prés», quindi distinguendo la paternità.
Fu Pirro 1940: 171-72 a ipotizzare un’identità fra i due Josquin, permettendo a Davison 1948: 98 di pubblicare in te Domine come brano di Josquin Desprez.
Stevenson 1960: 293, in riferimento a Md, sarà il primo a dire il brano scritto quando Josquin era al soldo del cardinale Ascanio Sforza.
L’identità è accolta in Ostoff 1962, i: 31 e così faranno Wiehe 2007 ed Elders 2011.

b. Il Cantus di In te Domine divenne Tenor di Poiché in te donna speravi di Niccolò Brocco in P/viii (1507): 43v-44 (Banks 2006: 43)
————

Apparato
1. nota

55. Delle donne qual è l'arte
Pietro Miedico © 2021

Bas: 58

Esecuzioni

Edizione []

Forma

Testo

i Delle donne qual è l’arte | dice ognun che l’è el filare
non è ver, ché l’è el cazare | notte e dì per consumarte.
 
ii Suso suso a cavalcare | sona el corno a caza a caza
sempre mai vorian cazare | per lo sutto e per la guaza.
rime?
iii Seguitando per la traza | l’animal che più le aggrada
dentro e fora per la strada | mai vorebon far altra arte.
 
iv Ogni donna in su la caza | lor s’ingrassano e tu te strugge
pover’omo fugge fugge | che non fa per te quest’arte.
 
v Alle donne se tu vedi | nel cazar diventan paze
mille lazi ingegni e rete | han le donne in su le caze.
rime?
1. nota
Nota linguistica
Info

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota

67. Chi mi darà più pace (Marchetto Cara)
Silvia Giusto © 2021

Bas: 70

Esecuzioni

Edizione []

Forma

Testo

i Chi mi darà più pace | se m'ha lasciato in guai
quella che sempre amai? | Chi mi darà più pace?
problema con la rima?
ii Cancion tu in carta bianca| dirai se ardir ti manca
perché la lingua è stanca | el tanto dir li spiace
conservare?
iii Se tu sarai ripresa | cancion fa' la tua difesa [1]
e di chi l'alta offesa | ti far parir loquace.

più prob.: di' che
iv Piangete voi fra tanto | occhi miei nati al pianto
ché con la lingua canto | e in petto il cor si sface.
 
v Io mi tenea beato | nell'amoroso stato;
or ch'ella mi ha lasciato | non avrò mai più pace.
 
vi Che fai, lingua, che resti? | perché non manifesti
como il duol mi molesta | né piu a viver mia pace

sicura?
1. nota
Nota linguistica
Info

Musica

a. Info
————

Apparato
1. nota